Mi sto innamorando di un etero sposato (e con figlio)!

62b8bce9-0c28-4ef1-96d0-fca1ea07aec3

Vi conoscete, vi seducete, sboccia “qualcosa” di piacevole per entrambi e si vivono emozioni intense… ma lui poi non vuole impegnarsi davvero. In molti li chiamano “uomini a progetti zero”… E’ possibile frequentarli? E se si, come evitare di starci male quando inevitabilmente finirà?

Per la posta del cuore di gay.tv, questa settimana ho scelto di rispondere a Elia, un quarantenne che sta frequentando un trentenne, abbastanza incasinato… Ovvero sposato e con un figlio, e che ci racconta, vuole tornare con la moglie per il bene del figlio.

Come fare a non innamorarsi di lui?

Vi riporto come al solito parte della lettera, e l’inizio della risposta. Se volete leggere la versione intera potete trovarla qui.

Ciao Steve, (…) Alcuni mesi fa ho conosciuto su Badoo un trentenne (…) e abbiamo deciso di uscire. Al primo appuntamento lui è stato molto sincero: E’ in serissime difficoltà economiche, è sposato, e da poco hanno avuto un bambino. Da qualche mese avevano smesso di convivere, esattamente pochi giorni dopo la nascita del figlio la moglie (in relazione solo ai problemi economici) ha troncato e lo ha chiuso fuori casa. (…) ora io mi sto innamorando, o forse lo sono già. Lui lo ha capito e mi ha detto chiaramente che “non devo innamorarmi di lui, perché per il bene di suo figlio dovrà tornare con lei“… (…) Io mi son ripromesso di non innamorarmi di lui, ma non sta funzionando. Al contempo non voglio lasciarlo andare perché stiamo davvero molto bene insieme, come non mi sentivo da anni! Cosa posso fare?
-Elia

 

Ciao Elia, la tua situazione è molto più comune di quanto tu non creda (forse a parte il fatto che lui sta uscendo da una relazione eterosessuale per avventurarsi in una omosessuale, ha una moglie, ha un figlio, ha un sacco di debiti, ed è pure un po’ pirla). Ma in fondo a tutti prima o poi è successo di “prendersi” per quel ragazzo che aveva così tanti casini, che nemmeno la Fata Verdolina avrebbe potuto dargli una mano.

Gli uomini a “progetti zero” sono quelli per cui molti di noi vanno in fissa senza un preciso motivo. Loro vivono bene e con entusiasmo nel “qui ed ora” del rapporto, sono capaci di essere molto intimi e di far vivere momenti fantastici perché unici nel loro genere, ma svicolano quando il partner spinge per un passaggio di livello.

Perché ci piacciono in realtà è presto detto… Quando ne conosciamo uno, inconsciamente ricorriamo alla “illusione sentimentale“: quella straordinaria capacità di idealizzare, romanzare e manipolare i dati di realtà a proprio vantaggio emotivo.

Quelli che giocano con “l’illusione sentimentale”, sono persone come tutti noi, e forse lo sei un po’ anche tu, caro Elia. Solitamente ci si accorge di esserlo quando ci si rende conto di trasformare alcuni no in forse, alcuni forse in sì… e di conseguenza un sì diventa il SI ASSOLUTO. Ed è facile che di fronte ad un uomo con scarsa propensione al legame, ci si incaponisca con un’idea che oscilla tra “io ti salverò” e “come me nessuno mai”. Se poi aggiungiamo che “In amor vince chi fugge” e che il rincorrere l’altro attiva l’adrenalina data dalla caccia… Beh: più rara o meno facile da prendere si presenta la preda che vogliamo, maggiore è il livello di eccitazione e gratificazione nel raggiungimento dello scopo. Ogni piccolissimo traguardo, come potrebbe essere il messaggio del buongiorno che ci manda lui per primo (che spesso arriva solo perché magari lui sta rientrando da un Club prima che noi ci svegliamo), diventa quindi unimmenso successo, che ci porta sempre più giù nella spirale del “ci stiamo innamorando”.

Probabilmente è un po’ quel che hai fatto tu: hai visto una situazione complicata e hai detto “beh, io ti salverò!”, e se mentre leggi stai scuotendo la testa dicendo di no, per favore, riflettici. Non sentirti in colpa: sei un uomo di 40 anni e hai visto una persona in difficoltà. Ti è piaciuto ed è normale ti sia scattato… Continua qui>>

Annunci

3 pensieri su “Mi sto innamorando di un etero sposato (e con figlio)!

  1. Ok, quell’etero è un po’ TANTO pirla, ma questa non è una scusa. Non si può salvare un pirla: vacci a letto, magari, ma per il resto lascia perdere; che poi non è questione di omo o etero, i pirla sono pericolosissimi in ogni contesto

  2. Sono estremamente d’accordo con il consiglio che dai alla fine della risposta: È un consiglio d’oro, che vale per tutte le relazioni, non solo per quelle che partono con poche prospettive di successo, anzi! Mai creare intorno a sé il deserto affettivo! Nel malaugurato caso del fallimento della relazione, questo atteggiamento avrà conseguenze catastrofiche, tanto maggiori quanto più grande sarà stato l’investimento affettivo. Per il nostro bene, durante tutta la vita, dobbiamo tutelare l’integrità della nostra personalità, dobbiamo ascoltarci ed evitare di amputare intere parti di noi per immolarci ad un amore assoluto. Insensato e distruttivo sempre, ciò finisce per “spersonalizzarci” e renderci assai meno interessanti agli occhi dell’altro. Il fascino risiede proprio in quella parte inviolabile e irraggiungibile per il nostro partner.

  3. A volte mi chiedo per quale motivo ci si infila in situazione che non conducono a nulla. È vero che l’innamoramento è irrazionale, ma resta sempre un sentimento ragionevole…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...